7 passi per affrontare le paure

 La paura è un’emozione naturale che ci permette di essere in allerta in caso di pericolo, indicando che abbiamo bisogno di investire energie per superare ciò che ci spaventa. Sappi che è perfettamente normale avere paura, è ciò che ti tiene in vita, una funzione comportamentale innata di cui hai bisogno per sopravvivere. La paura è quindi necessaria, e lo scopo di questo articolo non è affatto di sopprimere il sentimento di paura dalle proprie emozioni. 

Schermata 2018 12 01 alle 15.30.09 300x181 - 7 passi per affrontare le paure

Tuttavia, oggi, siamo tutti paralizzati da questa paura che troppo spesso ci paralizza e ci impedisce di andare avanti. La maggior parte delle persone tende a fare il possibile per ignorare le proprie paure, zittirle e cercare di vivere come se non esistessero. La cosa da fare, tuttavia, è guardare la paura “dritta negli occhi”, osservarla, cercare di comprenderla e soprattutto lasciarla al suo posto. Perché in realtà, il problema è che più cerchi di ignorare la tua paura, più cresce e più ti schiaccia. È fondamentale imparare ad andare avanti e non rimanere paralizzato. So che è molto difficile sapere come approcciare ciò che ci terrorizza, quindi per aiutarti, ti suggerisco diverse tappe che potrai seguire a tuo ritmo, per iniziare un viaggio sulla via del coraggio che è già in te 😉 

1- Riconoscere quando la paura diventa un ostacolo nella vita di tutti i giorni.

Quando inizia a prendere il controllo della tua vita, quando influenza il tuo modo di lavorare e blocca la tua realizzazione personale, allora la paura diventa un problema che devi prendere per le corna. A volte può essere così potente da causare un dolore che interferisce talmente con la tua vita, che inizi ad essere ansioso e nervoso. È importante che inizi a capire quando, nella vita di tutti i giorni, una paura è così grande che ti ostacola. La tua paura ti impedisce di essere felice? Ti priva di ciò che ti permetterebbe di andare avanti? Avere paura ti impedisce di essere te stesso? Eviti certe situazioni o certi luoghi? Preferisci complicarti la vita piuttosto che affrontare una situazione? Sei mai così spaventato che speri di sparire in una tana di topo e diventare invisibile? Se hai risposto si ad almeno una di queste domande, è perché sei probabilmente abitato da una paura che ti sta rodendo e danneggiando il tuo benessere.

2- Domare le paure

Invece di mettere tutta la tua energia nella costante fuga della tua paura, prova ad invitarla a casa tua, e siediti con lei faccia a faccia. Questo è il primo passo da compiere, è molto importante perché rappresenta il tuo primo passo nel percorso di accettazione delle tue emozioni. Riconoscere che si ha paura toglie già una parte del potere che la paura ha su di noi. Perché il fatto è che è qui, la paura. A volte sonnecchia, a volte si muove, a volte urla. Devi domarla e avvicinartici, in modo da osservarla, comprenderla e imparare come agire per dominarla e non lasciarla rovinarti la vita. Se hai paura della folla, fai qualche passo fuori. Se hai paura di nuotare, siediti vicino al mare, al lago o al fiume. Se i ragni ti terrorizzano, quando ne vedi uno, tieni le distanze ma guardalo, respira e osserva quanto è innocuo per te. Quando l’oggetto della tua paura irrompe nella tua giornata, aspetta prima di scappare, guarda ciò che fa paura, analizza le tue emozioni e usa la respirazione per calmati, riprendi il controllo.

3- Impara a riconoscere i sintomi della paura per canalizzarla meglio

Inizia imparando a riconoscere i sintomi della paura. Si manifesta molto spesso sotto forma di paure irrazionali come le fobie, causando angosce forti in diverse situazioni (volare, essere circondati da una folla, parlare di fronte a un pubblico) o anche riguardo ad animali per esempio (paura dei rettili o dei ragni). Ma la paura non è necessariamente correlata a una fobia, che è un caso molto forte di terrore mirato a un particolare elemento. Anche se non sei fobico riguardo a una situazione, ciò non ti impedisce di essere spaventato e di provare diversi tipi di reazioni a riguardo. Queste diverse reazioni possono essere:

Emotive: senti il ​​panico che sale in te, all’improvviso l’angoscia ti assale e ti senti impotente di fronte a questa paura travolgente

Fisiologiche: potresti avere problemi di respirazione, vertigini o nausea, potresti anche sudare eccessivamente o percepire una netta accelerazione della frequenza cardiaca

Psicologiche: senti l’urgente bisogno di scappare, o accade di vivere una sensazione di distacco e apatia talmente la paura è paralizzante, o di avere l’impressione di morire


In futuro, quando senti queste reazioni arrivare con la paura, puoi concentrarti su di essa per imparare come controllarla e per riprendere possesso di te stesso.

4- La paura viene spesso dalla nostra gioventù

Quando vogliamo capire le nostre paure, è importante sapere che di solito hanno origine nella nostra gioventù. È infatti possibile che durante la tua infanzia ti sei trovato di fronte a una situazione particolare che ti ha scioccato, creando in te una paura che si è assestata sempre più nel tempo, senza che fosse necessariamente legata all’oggetto della tua paura.

Per spiegare questa idea, ecco un esempio: sei un bambino di sei anni e stai giocando nel tuo giardino. Durante il gioco, si nota in lontananza qualcosa che si muove, un serpente striscia infatti tra le piante, dirigendosi verso un cespuglio. Tuttavia, nello stesso momento in cui stai osservando questo serpente, che in quel momento non ti spaventa, senti un suono violento e molto forte che ti fa paura (una persona che grida, una macchina che frena improvvisamente, un oggetto pesante che cade). La psicologia della paura dice che, in questo momento, hai creato una connessione tra il suono che ti ha spaventato e l’animale che stavi guardando quando è successo. Ora, adulto, sei spaventato dai serpenti e puoi persino sviluppare una fobia, mentre ciò che inizialmente ti ha spaventato è il suono improvviso e non l’animale in questione . Ecco come le paure possono spesso svilupparsi indirettamente, poiché il bambino è un giovane individuo alla scoperta del mondo, è molto sensibile a tutto ciò che lo circonda e fa facilmente associazioni tra ciò che accade e ciò che percepisce in quel momento. Ma naturalmente è anche comune avere paura di una situazione, una persona o un animale che ci ha realmente terrorizzato o ferito. 

Quindi, in generale, è importante che ripensi agli eventi traumatici che potresti aver vissuto in passato.

5- Attenzione alle proiezioni

Il grande problema della paura è che è presente in noi anche se l’oggetto concreto della nostra paura non è presente. Siamo davvero “spaventati in anticipo”, ci paralizziamo a causa di qualcosa che ancora non esiste ma che temiamo fortemente. Se inoltre hai una buona immaginazione, pensa che livello la paura può raggiungere, moltiplicando le tue ansie all’infinito e impedendoti di fare qualsiasi cosa. Ecco perché è importante, invece di gettarsi nell’oggetto della tua paura, concentrarsi sul presente respirando con calma. Quando senti che la tua mente parte in tutte le direzioni e l’ansia aumenta, parla a te stesso e chiediti di calmarti, renditi conto che tutto questo stress è creato solo da te, o parla con la tua paura come faresti con un amico che a volte ti pesa dicendo: “Molto bene, so che esisti, non cerco di negare la tua esistenza. Comunque non hai il controllo su di me, e in questo momento non ho bisogno di te “. Non lasciare che l’immaginazione aumenti le tue paure, concentrati sulla tua respirazione in quel momento e torna nel mondo reale.

6- Piccoli atti di coraggio

Quando si parla di affrontare le sue paure e di non fuggire di fronte ad esse, non è una questione di gettarsi dentro di sé, dove si trovano queste paure che ci terrorizzano. Non sto parlando di cambiare di colpo, per imparare a controllare le paure e superarle, ci vuole tempo. Non ci sono persone che sono meglio di altre per superare le paure, non è una gara a chi fa meglio, non esiste un periodo di tempo “adatto” per superare ciò che ci spaventa. Ognuno avanza passo dopo passo, secondo il suo ritmo e le sue capacità personali. Devi fare un primo passo sulla via del coraggio, e gradualmente farne un secondo, poi un terzo e così via. Si tratta di piccoli atti regolari che ti aiuteranno a superare le tue paure. Come un muro è costituito da molte pietre, il tuo coraggio di fronte alla paura viene costruito gradualmente e al ritmo che più ti aggrada. Lanciarti piccole sfide è il modo migliore per avanzare e realizzare che la paura non ha potere, e che hai tutta la forza necessaria per diventare padrone della tua vita.

7- Il potere della visualizzazione positiva

Un altro metodo psicologicamente potente per aiutarti a superare le paure è la visualizzazione positiva. Chiudi gli occhi e siediti comodamente. Immagina di sentirti sicuro, forte e libero dalla paura. Hai il controllo, non sei soggetto alle tue ansie e nulla ti raggiunge. Visualizza la tua energia. Ti senti più forte di qualsiasi cosa, e pensi che non hai nulla da temere e che qualsiasi cosa accada, la paura non ti controllerà più. Può sembrare ridicolo, ed è molto difficile parlare in questo modo, con così tanto equilibrio e positività. Tuttavia, questo è un esercizio eccellente che gli psicologi propongono, perché funziona molto bene e aiuta a ricondizionare la mente. Se, chiudendo gli occhi, puoi prendere il controllo della situazione, è perché sei in grado di farlo nella vita reale. Prova a fare questo esercizio una volta al giorno per 2 minuti all’inizio, poi puoi aumentare a 5 minuti, ad esempio.


Sii paziente e indulgente con te stesso, fidati di te e sii il gladiatore della tua vita! Il percorso per superare le paure può sembrare laborioso, ma quando hai fatto il primo passo, hai già vinto! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.